…sei stato ufficialmente pimpato!

PimpA seguito della rimozione dei pacchetti di Compiz dai repository [community] di Arch, Per avere il leggendario Desktop Cubico Compiz è divenuto necessario avventurarsi su AUR, dove, purtroppo, i pacchetti inerenti a compiz erano un ginepraio di versioni in via di sviluppo e, spesso, pacchetti orfani.

Dopo averne provati alcuni, mi sento di consigliarvi di installare da AUR alcuni pacchetti inseriti per la prima volta l’11 luglio e che hanno come manutentore Barthalion (pacchetti, purtroppo, orfani).

Avventuriamoci nel pacchetto

Come primo passo, vi consiglio di installare il pacchetto nominato compiz. Questo pacchetto sostituisce i vecchi compiz-core, compiz-decorator-gtk e compiz-decorator-kde , pertanto a meno di non volersi installare, in un sistema con GTK (come XFCE4) anche tutto KDE, è necessario fare qualche piccola modifica al PKGBUILD del pacchetto per non installare la componente relativa a compiz-decorator-kde.

Mi sto avventurando su ArchLinux da poco e quindi è possibile che commetta qualche errore formale e, vi prego, segnalatemelo nei commenti. ;)

Il PKGBUILD di un pacchetto di AUR (Arch User Repository… qualcosa come uno sconfinato PPA, per chi esce da poco da Ubuntu :P ) contiene quelle informazioni che accompagnano il codice sorgente, utili per la compilazione e l’identificazione del pacchetto: dalle dipendenze alla versione, all’autore del pacchetto.
Qui il PKGBUILD del pacchetto compiz.
Possiamo vedere le informazioni di base nelle linee dalla 7 alla 16, mentre alla linea 17 abbiamo la variabile groups(), ossia a quale gruppo appartiene al pacchetto: nel nostro caso ai gruppi ‘compiz’, ‘compiz-kde’, ‘compiz-gtk’ e ‘compiz-fusion’.

Altro da sottolineare nel PKGBUILD è alle linee 18, dove sbuca fuori come dipendenza di compilazione (makedepends) proprio il pacchetto kdebase-workspace. Questo vuol dire che il pacchetto, per essere correttamente compilato, necessita del pacchetto kdebase-workspace .

Altre linee interessanti sono dalla 124 alla 141, dove viene indicato come compilare il pacchetto compiz-decorator-kde .

Spero l’overview del PKGBUILD sia chiara, almeno quanto basta per capire come l’ho modificato, di modo da non installarmi KDE in compilazione.

Installiamo il pacchetto

Utilizzando yaourt come gestore di pacchetti, il comando
yaourt -S compiz
inizierà l’installazione del nostro pacchetto.
La prima domanda che ci viene posta è proprio se desideriamo modificare il PKGBUILD e noi risponderemo senza paura sì, per farlo pigiando la S della nostra tastiera.

Modificare il PKGBUILD?

Modificare il PKGBUILD?

A questo punto ci chiede con quale programma: vim, nano, geany, gedit… scegliete quello che preferite.
Io ho utilizzato nano, scrivendo come comando proprio nano
Modificate come segue:

  • Alla linea 9 eliminate ‘compiz-decorator-kde’
  • Alla linea 17 goups() eliminate ‘compiz-kde’
  • Alla linea 18 eliminate ‘kdebase-workspace’
  • Alla linea 56 eliminate il carattere di escape \ dopo –disable-kde
  • Alla linea 57 eliminate tutto, ossia ‘–enable-kde4′
  • Eliminate tutto dalla linea 124 a 141

Premere CTRL+X per uscire e ci verrà chiesto di salvare il pacchetto, premere S e INVIO, poiché il nome del file è già PKGBUILD .
A questo punto potete far proseguire la compilazione e la successiva installazione dei pacchetti.

Installato il core e il compiz-decorator, si può installare tutto il resto!
yaourt -S libcompizconfig fusion-icon emerald compizconfig-python compiz-fusion-plugins-main compiz-fusion-plugins-extra compiz-bcop ccsm per avere tutti i plugin di Compiz, il Compiz Config Setting Manager per personalizzarlo, Fusion Icon, il controller per l’avvio di Compiz (non necessario, ma utile per far partire Compiz) e, infine, il gestore di decorazioni per finestre Emerald .

A questo punto l’installazione (che potrebbe prevedere diverse dipendenze) è terminata.
Per avviare e testare compiz funzionante, dare il comando comipz --replace ccp, dove con ccp diciamo a Compiz di considerare le modifiche fatte con il Configuratore di Compiz (ccsm).

Spero la guida sia utile, chiara e corretta.
Ovviamente usatela a vostro rischio, sono pacchetti di AUR e non fate questi giochi il giorno prima di discutere tesi, sostenere esami, fare presentazioni che se vi va in pappa il computer non sono responsabile :P

Come detto, ArchLinux è, per me, un mondo molto da conoscere e se ho scritto in modo grossolano qualcosa prego gli Arcieri che passano, con il tipico garbo che li contraddistingue (“RTFM:P ) di aiutarmi a essere più preciso.
Ovviamente quanto prima il Wiki di Arch verrà aggiornato su Compiz, quanto prima questa pagina cesserà di essere utile! ;)

Vi lascio con la vecchia immagine old school del cubo di Compiz, quello che tutti desiderate :P

Istantanea - 16072013 - 15:44:49

Cubo, Fiamme e Blur effect: ah, i vecchi tempi!

Avete smanacciato un po’ con un file di configurazione e vi siete avventuarati su AUR (magari cose ordinarie per voi!), quindi vi meritate un bel…
Sei stato ufficialmente pimpato!

About these ads

Commenti su: "[Pimp my...™] Compiz su ArchLinux + XFCE 4" (2)

  1. Diego ha detto:

    Bell’articolo!
    PS… Hanno aggiornato il Wiki ;)
    https://wiki.archlinux.org/index.php/Compiz#Decorators

    • Diciamo che l’hanno modificato un po’ frettolosamente, forse…
      Dire “Compiz e su AUR, vai e uccidi” e successivamente suggerirti di installare compiz-core che fa riferimento a pacchetti sui repo di Arch, e così pure per i compiz-decorator… mi sembra che confonda un po’ un utente… ma forse non un Archere :) .
      Non parliamo della traduzione in Italiano della Wiki.

      Come ho più tempo, piuttosto, segnalo nella discussione che sarebbe da aggiornare?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 49 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: