…sei stato ufficialmente pimpato!

I notebook prodotti dalla DELL con integrato Windows Vista vengono recapitati con una partizione di una decina di Gb chiamata RECOVERY, in cui è presente un doppione dell’installazione originale di Vista da usare in caso di danni a quella con cui si lavora correntemente per ripristinare l’OS alla situazione primitiva.

Per chi, come me, usa Ubuntu in dual boot e ha lasciato Windows sul PC solo per l’eventualità di una necessità improvvisa (scusate, ma Wine non funziona ancora a dovere purtroppo), questa partizione RECOVERY non è molto utile, io quindi ho deciso di provare a rimuoverla.

Riporto il procedimento che ho seguito.

—–

ATTENZIONE:

  • questo procedimento è stato svolto sul mio notebook Dell Ispiron 1525, non è stato testato su altri notebook.
  • Per me ha funzionato, ma non mi assumo responsabilità se qualcun altro avesse problemi, le configurazioni delle partizioni del mio notebook potrebbero essere diverse dalle vostre.
  • Per chi usa Windows spesso la partizione Recovery potrebbe essere utile in caso di improvvisa necessità di un ripristino di sistema, valutate bene prima di cancellarla.

—–

NECESSARIO PER LO SVOLGIMENTO DEL PROCEDIMENTO

  • CD o DVD di Windows Vista.
  • LiveCD di Ubuntu.
  • il procedimento stampato o appuntato da qualche parte perchè la maggior parte di esso sarà da compiensi da LiveCD di Ubuntu e a meno che abbiate la connessione ad internet vi conviene copiarvi il procedimento da qualche parte.

dopo queste premesse possiamo cominciare.

FASE 1: Eliminare la partizione RECOVERY


  • Per prima cosa riavviamo il pc e premiamo F8 o F12 per accedere all’one time boot menù, inseriamo il liveCD di Ubuntu e selezioniamo CD/DWD per fare il boot da lì. Selezioniamo la lingua e la prima voce nel menù per avviare la Live.
  • A sistema avviato andiamo in System -> Administration -> Partition Editor per avviare Gparted
  • Nel menù a tendina sulla destra in alto selezioniamo l’hard disk (dovrebbe partire selezionando il CD), l’hard disk sarà riconoscibile in base alla sua dimensione in GB.
  • A questo punto dovrebbe essere visibile una partizione col nome RECOVERY nell’elenco sotto l’immagine, selezionatela e cliccate su ELIMINA
    La schermata di GParded

    La schermata di GParded

  • A questo punto avrete una decina di GB non partizionati che dovrete usare per allargare un’altra delle partizioni. i casi possono essere tre:
    • Allargare la partizione affianco: selezionate la partizione che si trova a fianco allo spazio non partizionato (che dovrebbe essere quella con installato dentro Vista), e cliccate su Ridimensiona/Sposta, si aprirà una finestra e da lì dovrete tirare la partizione a coprire lo spazio non partizionato.
    • Allargare una partizione non adiacente: prima bisogna far scalare tutte le altre partizioni per far trovare la partizione che si vuole allargare affianco a quella da allargare, per fare questo selezionate la partizione adiacente allo spazio non partizionato e cliccate su Ridimensiona/Sposta, si aprirà una finestra e da lì dovrete spostare la partizione a coprire lo spazio non partizionato cliccando nel mezzo della partizione e tirando. Ora lo spazio non partizionato dovrebbe essersi spostato. ripetere il procedimento per tutte le altre partizioni da spostare, finchè lo spazio non partizionano non si trova a fianco della partizione che si vuole allargare, allora eseguire quanto scritto nel punto sopra.
    • Creare una nuova partizione: se volete usare lo spazio appena svuotato per creare una nuova partizione (dove ad esempio installare una nuova distro linux) non dovete far altro che selezionare lo spazio non partizionato e cliccare su Nuovo, dare la dimensione massima, il tipo di filesystem e cliccare su Aggiungi.
  • A questo punto non resta altro da fare che cliccare su Applica e Gparted procederà con l’eliminazione della partizione e tutte le altre operazioni. Questo potrebbe richiedere VERAMENTE tanto tempo, spostare indietro dei file in una partizione richiede molto tempo. per tutte queste operazioni a me ha richiesto 6 ore… quindi mettetevi la giacca, andate in libreria, scegliete un romanzo e dedicatevi alla lettura per un po’. IMPORTANTE: non montate nessuna partizione mentre Gparted lavora

Quando Gparted avrà finito il disco sarà ripartizionato. a questo punto riavviate il PC e dovrebbe comparirvi il solito dual boot di Grub, se provate ad accedere a Ubuntu non dovrebbero esserci problemi, se invece provate ad accedere a Vista senza dire nulla il computer si riavvierà. (se non vi da errore siete stati più fortunati di me! dovreste aver finito allora!)

FASE 2: rimettere a posto Windows Vista


non prendetevela con me per la rozzezza di questo processo, ma è una cosa fatta alla maniera di Windows (ergo: risolvi i problemi a martellate finchè non vanno a posto). Il disco di Vista vi chiederà di fargli fare più ripristini finchè non risolverà il problema vero a tentativi… vabbeh evitiamo i commenti… comunque ecco il procedimento:

  1. Inserite il disco di Windows nel drive e fate il boot dal disco, selezionate italiano in tutti e tre i menu a tendina e andate avanti.
  2. Selezionate Ripristino di Sistema, a questo punto cercherà l’installazione di Windows senza riuscire a trovarla, vi chiederà di riavviare, riavviate.
  3. Noterete che GRUB a questo punto è sparito, comunque ora Windows dovrebbe avviarsi ma dare un errore. riavviate ancora e fate il boot dal disco di Windows.
  4. Ritornate al Ripristino di Sistema, questa volta dovrebbe trovare l’installazione di Windows, fategli compiere il ripristino sulla partizione, quando ha finito riavviate e provate a vedere se Windows parte.
  5. Finchè Windows non parte fate il boot dal disco di Vista e compiete il ripristino di sistema, perchè ogni volta tenterà di ripristinare cose diverse e dopo qualche tentativo dovrebbe ripristinare tutto (a me sono serviti 3 riavvii).

Una volta che Windows è partito non dovrebbero più esserci problemi, ora non resta che ripristinare GRUB come boot loader.

FASE 3: Ripristinare il boot loader di Ubuntu


Riavviare e effettuare il boot dal liveCD di Ubuntu, aprire un terminale e dare in sequenza i seguenti comandi:

sudo grub
find /boot/grub/stage1

Appuntare il risultato del comando, che dovrebbe essere equivalente ad (HDx, y), dove al posto di “x” ed “y” ci sono dei numeri.

root (hdx,y)
setup (hdx)

Attendere il messaggio di conferma circa l’avvenuta installazione di Grub.

quit

si dovrebbe aver ripristinato GRUB così. riavviare il pc e tutto dovrebbe essere tornato a posto. il nostro GRUB all’avvio, i due sistemi operativi funzionanti e la partizione RECOVERY rimossa.

Penso che il procedimento funzioni anche se non si ha il dual boot con Linux, si deve solo non preoccuparsi della FASE 3.

Ripeto, per me questo procedimento ha funzionato, non garantisco funzioni in ogni condizione però…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: