…sei stato ufficialmente pimpato!

pimpmykdeBenvenuti a una nuova puntata di Pimp My…™, la rubrica in cui vi diamo consigli su come pimparvi la vostra Ubuntu-box al 100%!

Siete stanchi di non poter aprire Amarok (o altre applicazioni KDE) davanti ai vostri amici perchè non ci azzecca una fava con tutte le altre applicazioni Gnome?

Avete i conati di vomito ogni volta che aprite Synaptic (o qualunque altra applicazione che richiede la password di root per essere eseguita) perchè fa a pugni con il tema che avete accuratamente scelto per il vostro desktop?

Insomma, se davanti ai vostri occhi si presenta sempre questa brutta scena…

Amarok (KDE), Gparted (root) e Nautilus

prima del pimpaggio: Amarok 1.4 (KDE3), Gparted (root) e Nautilus

…e non ne potete più, dovete proprio continuare a leggere questa guida per scoprire come trasformare quella schermata in questa:

le stesse applicazioni

dopo il pimpaggio: le stesse applicazioni

Ebbene? E’ molto meglio, non vi pare? Cominciamo allora!

la guida sarà divisa in:

  • integrare le applicazioni KDE3
    • KDE3 con GTK
    • KDE3 con Murrine
  • integrare le applicazioni root (sia che si usi GTK che Murrine

Purtroppo per le applicazioni KDE4 ancora non ho trovato un modo sicuro, esiste questa guida qui che dice di poter risolvere il problema, ma l’ho provata su tre pc diversi e non ha funzionato se non con Skype

La nostra guida è stata testata su Ubuntu 8.10, su altre versioni di questa distribuzione, o su altre distribuzioni, possono esserci differenze dovute alla presenza o meno di pacchetti e librerie.

Integrare le applicazioni KDE3

PRELIMINARI
Fino ad Ubuntu 8.04 era possibile installare il KDE Control Center (kcontrol), da cui era possibile configurare ogni aspetto delle applicazioni KDE, ma in Ubuntu 8.10 questo non è più possibile; dobbiamo quindi aggirare il problema:

  • scarichiamo kcontrol dalle release per Hardy da qui (per i386) o da qui (per amd64)
  • estraiamo il pacchetto appena scaricato col seguente comando in una cartella temp sul Desktop:
    dpkg -x kcontrol_3.5.10-0ubuntu1~hardy2_i386.deb ~/Scrivania/temp
    cambiare i386 con amd64 se avete scaricato il pacchetto a 64 bit.
  • a questo punto copiamo i moduli che ci interessano dando in sequenza tutti questi comandi (quelli su due righe sono comunque un unico comando):
    sudo cp ~/Scrivania/temp/usr/lib/kde3/kcm_icons.* /usr/lib/kde3
    sudo cp ~/Scrivania/temp/usr/lib/kde3/kcm_colors.* /usr/lib/kde3
    sudo cp ~/Scrivania/temp/usr/lib/kde3/kcm_fonts.* /usr/lib/kde3
    sudo cp ~/Scrivania/temp/usr/lib/kde3/kcm_style.* /usr/lib/kde3
    sudo cp ~/Scrivania/temp/usr/share/applications/kde/icons.desktop /usr/share/applications/kde
    sudo cp ~/Scrivania/temp/usr/share/applications/kde/colors.desktop /usr/share/applications/kde
    sudo cp ~/Scrivania/temp/usr/share/applications/kde/fonts.desktop /usr/share/applications/kde
    sudo cp ~/Scrivania/temp/usr/share/applications/kde/style.desktop /usr/share/applications/kde
  • ora la cartella temporanea sul Desktop non serve più, quindi possiamo rimuoverla insieme con il pacchetto scaricato
  • a questo punto nel menù Applicazioni -> Altro dovreste trovare quattro nuove entrate (Colori, Icone, Stile, Tipi di Carattere) da cui sarà possibile modificare l’aspetto delle applicazioni KDE3

[PER INTEGRARE CON GTK]

Ci servono due temi per KDE: Klearlooks (che riproduce il tema di default di Gnome per KDE) e Polymer (molto simile al tema Human preimpostato in Ubuntu).

Installiamoli col comando:

sudo apt-get install kde-style-klearlook polymer

[PER INTEGRARE CON MURRINE]

(per informazioni su cos’è Murrine e su come installarlo rimando a questo post)

Il tema più simile ai temi Murrine si chiama QtCurve e possiamo installarlo con questo comando:

sudo apt-get install qtcurve
MODIFICHIAMO IL TEMA
a questo punto abbiamo tutto l’occorrente, lanciamo uno alla volta i 4 programmi nuovi che ci sono in Applicazioni -> Altro e pimpiamo le nostre applicazioni KDE3:

  • Tipi di Carattere: dunque possiamo cominciare da qui, questo modulo configura i tipi di carattere usati dalle applicazioni KDE, dobbiamo far sì che siano uguali a quelli di Gnome, quindi apriamo anche Sistema -> Preferenze -> Aspetto e andando nella scheda Tipi di Carattere copiamo i valori presenti lì.
    Per l’antialias copiamo anche lì i valori presenti (compresi i DPI e i parametri della finestra Dettagli…) cliccando su Configura nel modulo per KDE. A questo punto abbiamo finito coi font, salviamo e chiudiamo questo modulo.
  • Icone: per quanto mi riguarda sono stato fortunato, in quanto il mio tema di icone in Gnome è Oxygen, quindi presente di default anche nella finetra di configurazione delle icone di KDE. Se voi non doveste essere così fortunati potete andare su kde-looks.org e cercare un tema di icone che si sposi con il vostro di Gnome (se non addirittura un port dello stesso).
  • Colori: sempre nella finestra Aspetto di Gnome è possibile trovare, cliccando su Personalizza… nella scheda Tema, i colori del proprio tema. Copiateli e l’effetto finale sarà già migliorato un po’… ma ora manca la parte finale e più importante…
  • Il modulo "Stile"

    Il modulo "Stile"

    Stile: da qui si cambia l’aspetto generale del tema, scegliete quello che si sposa meglio col vostro; come già detto in precedenza lo stile Klearlooks riproduce il tema Clearlooks di Gnome, mentre Polymer quello Human. Per i temi Murrine invece QtCurve è quello che si avvicina di più…
    Cliccando poi su Configura… è possibile personalizzare ulteriormente il tema scelto finchè non arriva a soddisfarvi appieno.

Dopo aver compiuto questi passaggi le applicazioni KDE3 avranno tutt’altro aspetto, credetemi…🙂


Integrare le applicazioni Root

Il dramma delle applicazioni root è che non usano le configurazioni dei temi presenti nella home dell’utente, ma quelle nella cartella /root (che è una “home directory” dell’utente root a grandi linee).

Per far sì che anche le applicazioni root seguano il tema che abbiamo scelto linkiamo le configurazioni delle stesse alla nostra cartella utente, con quattro semplici comandi da terminale:

sudo ln -s /home/nomeutente/.themes /root/.themes
sudo ln -s /home/nomeutente/.icons /root/.icons
sudo ln -s /home/nomeutente/.fonts /root/.fonts

ovviamente sostituendo nomeutente col vostro nome utente.

Provate ora ad aprire Synaptic o GParted e vedrete che differenza!

Spero di trovare presto come integrare anche le applicazioni KDE4, se qualcuno sapesse come fare commenti, grazie!

Che altro dire, ormai ci sarete abituati, ma la chiusura dev’essere:

…siete stati ufficialmente pimpati!


fonti:

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: