…sei stato ufficialmente pimpato!

Articoli con tag ‘Gnome’

Ripristinare la connessione su Gnome dopo una sospensione

Un consiglio molto veloce per chi usa Gnome.
Mi è capitato, a seguito di una sospensione, che all’avvio successivo la connessione internet fosse completamente assente.
Per risolvere a questo problema è necessario riavviare il demone di gestione delle reti con i seguenti tre comandi.

sudo service network-manager stop
sudo rm /var/lib/NetworkManager/NetworkManager.state
sudo service network-manager start

Più che un classico siete stati ufficialmente pimpati, oserei un sic et simpliciter! 😉

Annunci

[PIMP MY…™] Trasparenza con Murrina e GTK per Ubuntu Lucid

DISCLAIMER: questo articolo aggiorna il precedente [Pimp my…™] Finestre Trasparenti con Murrina e GTK, poichè il procedimento è stato reso più semplice, senza il bisogno di patchare i programmi come avevo descritto un annetto fa, sebbene quel procedimento resti sempre valido, ora il tutto è semplificato.

La nuova versione di Lucid doveva garantire l’RGBA nei suoi temi di default, questo mi aveva galvanizzato non poco, anche se all’installazione del sistema operativo non ho trovato questa feature.

Grazie però a pochissimi click sono riuscito a ottenere ciò che volevo: questo risultato!

Trasparenza alle finestre, ispirato a MurrinaKiwi

(altro…)

Gif animate in movimento con Mirage, altro che Eye of Gnome!

mirage_icoSe non siete dei fan del visualizzatore di immagini predefinito di Ubuntu (Eog, al secolo Eye of Gnome), una valida alternativa è senza dubbio Mirage, di default già in OpenGEU.
Tra i vari pro citerei:

  • GIF animate: a differenza di Eog, Mirage visualizza le gif animate… in movimento! Io ho trovato questa cosa molto utile, anche perché è molto più facile da installare che altre strane versioni di Eog con questa feature.
  • Versatilità: ha la possibilità di diventare un visualizzatore di anteprime completo di thumbnails, o scarno, proprio come Eye of Gnome!
  • Modifiche al file: consente di applicare semplici modifiche al file come la rotazione, il ridimensionamento, ritaglio e modifica della saturazione.
  • Script: oltre alle precedenti modifiche, è possibile registrargli dei comandi come se li desse da terminale (con tanto di shortcut personalizzabile). Preimpostato per esempio abbiamo il comando gimp-remote-2.4 %F che apre direttamente l’immagine in GIMP, o vari usi della funzione convert di Imagemagik.

(altro…)

Dropbox: l’hard disk online gratis da oltre 2 GB integrato con Linux

  • Backup dei file importanti
  • Sincronizzazione fra più computer
  • Condivisione di cartelle pubbliche o fra un gruppo di utenti selezionati
  • Condivisione di foto
  • Recupero file cancellati
  • Cronologia dei cambiamenti effettuati su ogni file
  • Disponibile per Windows, MacOS e Linux
  • Integrazione perfetta con Nautilus in Linux

dropboxQueste sono le features di Dropbox, il nuovo servizio di remote storage che mette a disposizione gratuitamente 2 GB di spazio (e ulteriore spazio bonus grazie a Pimp My Linux, spiego meglio dopo… tranquilli…) e grazie al client diventerà perfettamente integrato nel proprio sistema operativo, qualunque esso sia.

Questo video (in inglese, scusate… ma dalle immagini si capisce abbastanza cosa si può fare anche se non capiste benissimo cosa dice) mostra benissimo quali sono le capacità di questo servizio; guardatevelo e se lo trovate interessante e pensate “ehi! ma lo voglio anche io”, continuate a leggere e vi spiegherò come installarlo su Ubuntu o Fedora in pochissimi passaggi e come fare alcuni interessanti trucchetti. 😉

Buona visione!

(altro…)

[PIMP MY…™] Enlightenment su Ubuntu Intrepid

PimpE

DISCLAIMER: Questo articolo è ormai vecchiotto ed è stato aggiornato in questo nuovo articolo, andate lì per vedere come usare Enlightenment su Ubuntu.

L’eterna lotta tra Desktop Environment di Ubuntu sembra non avere mai fine: scegliere sempre da che parte stare, se tra il vetroso KDE o il gommoso GNOME, tra Cleanlooks o Clearlooks rischia di schiacciare l’utente medio di Linux.

Se non ci piace nessuno dei due candidati, possiamo sempre scegliere la terza via: nel caso specifico la risposta potrebbe essere Enlightenment (anche detto “E“, a seconda della versione e16 o e17.):

Enlightenment è un Ambiente Desktop molto leggero ma con degli ottimi effetti grafici: sobri, eleganti e leggeri.

Tra i temi più visti e stravisti di e17, o Enlightenment, c’è senza dubbio Bling, la cui particolarità sono le finestre ed i menù che luccicano, ma un altro tema senza dubbio degno di nota è il più recente Black and White, altrettanto elegante.

Esistono distribuzioni già provviste di Enlightenment: le più importanti sono Elive e OpenGEU (derivata di Ubuntu con Gnome e Enlightenment fusi insieme). Ma se vogliamo averlo senza cambiare Sistema Operativo, basta scaricarlo dai giusti repository per avere, all’avvio della sessione, la scelta di Enlightenment: una volta messa come di default, Gnome potrà essere dimenticato… almeno come grafica!

Enlightenment dispone di vere e proprie librerie proprie (molto utili per via della loro leggerezza anche a chi fosse interessato a programmare), le EFL (Enlightenment Foundation Libraries).

Senza indugiare ulteriormente, chiunque fosse incuriosito da questo ambiente potente, sebbene ancora in via di sviluppo, può continuare a leggere… (altro…)